Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Commissioni consiliari > VII Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

VII Commissione - Verbale

Seduta del 13-04-2011 ore 10:00

 

Consiglieri componenti la Commissione: Maurizio Baratello, Gabriele Bazzaro, Sebastiano Bonzio, Renato Boraso, Claudio Borghello, Cesare Campa, Giampietro Capogrosso, Antonio Cavaliere, Saverio Centenaro, Marco Gavagnin, Luigi Giordani, Giovanni Giusto, Giacomo Guzzo, Valerio Lastrucci, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Jacopo Molina, Giorgio Reato, Emanuele Rosteghin, Alessandro Scarpa, Camilla Seibezzi, Davide Tagliapietra, Domenico Ticozzi, Giuseppe Toso, Simone Venturini, Alessandro Vianello, Michele Zuin

 

Consiglieri presenti: Maurizio Baratello, Sebastiano Bonzio, Renato Boraso, Claudio Borghello, Cesare Campa, Giampietro Capogrosso, Antonio Cavaliere, Saverio Centenaro, Marco Gavagnin, Luigi Giordani, Giacomo Guzzo, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Jacopo Molina, Emanuele Rosteghin, Alessandro Scarpa, Camilla Seibezzi, Davide Tagliapietra, Domenico Ticozzi, Giuseppe Toso, Simone Venturini, Sebastiano Costalonga (sostituisce Michele Zuin), Carlo Pagan (sostituisce Giorgio Reato)

 

Altri presenti: Assessore Tiziana Agostini, Assessore Bruno Filippini, Dirigente Luca Fontanella.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 415 (nr. prot. 4) con oggetto "le sale comunali hanno un prezzo (alto), ma le associazioni e le attivitÓ senza scopo di lucro non hanno prezzo!!!", inviata da Sebastiano Bonzio
  2. Trattazione dell'interrogazione nr. d'ordine 365 (nr. prot. 165) con oggetto "anche noi vorremmo NON pagare le bollette e gli affitti!", inviata da Renato Boraso

Verbale

Alle ore 10.10 il presidente Cavaliere, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita il consigliere Bonzio ad illustrare brevemente il contenuto dell’interpellanza.

BONZIO ricorda che la giunta comunale ha aumentato, con una sua deliberazione, notevolmente le tariffe per l’uso degli spazi che generalmente vengono usati da associazioni senza scopo di lucro; chiede che la giunta ritorni sulla sua decisione ripristinando le vecchie tariffe adeguandole eventualmente all’aumento del costo della vita.

CAPOGROSSO condivide quanto affermato dal consigliere Bonzio, è pur vero che le tariffe sono aumentate notevolmente ma ricorda che queste entrate dovrebbero contribuire ad abbattere il costo di gestione che sopporta il Comune. Trova interessante la proposta di differenziare le tariffe rendendole affrontabili per le associazioni senza scopo di lucro e adeguandole ai costi reali per coloro che svolgono altre attività.

GIORDANI concorda con quanto descritto dal consigliere Bonzio e rende noto che purtroppo come circolo Nardi, si è trovato a pagare meno per l’uso di una sala privata rispetto ad una pubblica sia a Venezia che a Mestre.

CAMPA condivide la necessità di differenziare le tariffe secondo la natura di chi utilizza gli spazi; bisognerebbe incentivare l’attività delle associazioni senza scopo di lucro. Ammette che se gli spazi pubblici fossero curati come le sale private, più di qualche associazione userebbe di più quelli comunali; cita l’esempio dello stato non proprio bello della sala pubblica di via Sernaglia.

GAVAGNIN si augura che possa essere fatto di più per favorire le aggregazioni dei cittadini; l’associazione alla quale aderisce si è trovata a pagare molto più di prima per l’utilizzo delle sale e commenta che se questa associazione può far fronte a questa ulteriore spesa, ritiene che altre più piccole o comunque più “povere” non siano più in grado di pagare quelle tariffe. Ben venga una netta differenziazione dei costi per le varie tipologie di utenti.

VENTURINI chiede di conoscere il metodo ed i criteri per l’assegnazione in uso continuativo delle sale, applicato dalle municipalità; ci sono molti comportamenti differenti a seconda delle varie municipalità che vanno dall’assegnazione gratuita ad una molto onerosa.

SCARPA A. condivide quanto affermato e proposto dal consigliere Bonzio, ritiene molto grave aver deliberato aumenti di questa entità, afferma che ci sono delle associazioni che si sono viste aumentare le tariffe anche di cinque volte; si impegna a fornere all’assessora tutte le notizie al riguardo.
Alle ore 10.20 esce il consigliere Tagliapietra ed entrano i consiglieri Seibezzi, Baratello, Molina ed alle ore 10.30 entra il consigliere Boraso.

AGOSTINI ringrazia sia il consigliere Bonzio che tutti i consiglieri che sono intervenuti perché si dà modo all’assessora di spiegare come si è evoluta la questione. C’è un principio fondamentale che coinvolge tutti, che è la condivisione delle decisioni e dei procedimenti perché le decisioni vengono spiegate a tutti. Si è fatta una ricognizione delle tariffe applicate da ogni singola municipalità e dei costi che vengono sopportati. Si sono considerati l’uniformità delle tariffe considerando che erano ferme al 1997 e la costruzione di una diversificazione delle tariffe che vanno dalla gratuita fino alla tariffa ordinaria aumentata del 30%, passando per la possibilità di applicare sia un ulteriore sconto che una ulteriore maggiorazione. Tali decisioni le prende di solito l’esecutivo delle municipalità; bisogna anche considerare l’uso continuativo o esclusivo dall’uso saltuario, considerando anche l’uso delle palestre che partirà come aumento dal prossimo autunno poiché la loro attività era iniziata con l’inizio dell’anno scolastico. Anche in questo caso ci sono delle differenze perché ongi singola municipalità decide in assoluta autonomia. Per tutto questo c’è l’impegno a fare una ricognizione delle situazione in autunno; c’è da considerare che uno dei criteri è quello dell’ampiezza dello spazio che viene affittato ma deve essere corretto perché è interesse dell’Amministrazione favorire l’uso degli spazi periferici piuttosto che di quelli centrali per i quali comunque è necessario considerare almeno la copertura delle spese di gestione.
Alle ore 10.35 rientra il consigliere Tagliapietra.

BONZIO afferma che la deliberazione di giunta non è avulsa dall’attività del Consiglio comunale perché in fase di bilancio di previsione e consuntivo c’è la possibilità di verifica da parte dei consiglieri: Esprime soddisfazione per l’impegno dell’assessora a portare in commissione il risultato del monitoraggio che viene eseguito. Quanto affermato dal consigliere Giordani deve suonare come un campanello d’allarme per l’Amministrazione che deve contemperare l’agevolazione della vita associativa alle spese che si devono sopportare. Chiede che vengano presentati i risultati del confronto sulle entrate dei primi 4 mesi del 2010 e del 2011 per favorire in sede di esame del bilancio di previsione un’eventuale modifica delle poste che interessano questo argomento. Si dichiara pertanto soddisfatto della risposta dell’assessora Agostini.
Alle ore 10.45 entra il consigliere Guzzo.

CAVALIERE preso atto delle dichiarazioni del consigliere Bonzio dichiara chiusa la discussione del primo punto all’ordine del giorno ed invita, se i commissari presenti sono d’accordo, l’interrogante ad illustrare l’argomento del secondo punto.

BARATELLO si dichiara contrario all’apertura della discussione ed invita il presidente a far rispettare il regolamento.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 28-04-2011 ore 10:22
Ultima modifica 28-04-2011 ore 10:22
Stampa