Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Unione di Centro > Consiglieri comunali > Simone Venturini > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 2451
Contenuti della pagina

Unione di Centro - Interrogazione nr. d'ordine 2451

Logo Unione di Centro Simone Venturini
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
2451 94 08/04/2014 Simone Venturini
 
Assessore
Carla Rey
08/04/2014 08/05/2014 scritta

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
risposta05-05-2014Leggi

 

Venezia, 8 aprile 2014
nr. ordine 2451
n p.g. 94
 

All'Assessore Carla Rey


e per conoscenza

Al Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: La nuova procedura telematica per le pratiche SUAP da parte dei soggetti imprenditoriali sta, di fatto, ingessando un intero settore del commercio in Centro Storico.

Tipo di risposta richiesta: scritta

 

Premesso che:

- In data 30/10/2013 la Giunta comunale ha deliberato di aderire alla proposta di utilizzo della soluzione informatica realizzata dalla CCIAA per l’esercizio delle funzioni assegnate al SUAP;
- A partire dal mese di marzo l’utilizzo della procedura telematica per le pratiche SUAP è divenuta obbligatoria;
- L’attuale pratica telematica richiede, per le SCIA di subingresso di esercizi commerciali nel settore non alimentare, una dichiarazione di carattere urbanistico – edilizio, una dichiarazione di carattere igienico – sanitario - ambientale ed una dichiarazione attestante la conformità delle opere e l’agibilità degli spazi;
- Tali dichiarazioni sono obbligatorie e, se non inserite, rendono impossibile l’accesso alla compilazione delle fasi successive;
- Nella modulistica cartacea precedente le succitate dichiarazioni non erano richieste;
- Produrre le succitate dichiarazioni, oltre che oneroso, richiede l’intervento di ulteriori professionisti con il risultato dell’allungarsi delle tempistiche necessarie a perfezionare la pratica, nonché l’intervento della proprietà dei locali
- L’intervento dei proprietari dei locali in questa fase della procedura presenta innumerevoli difficoltà sia dal punto di vista dell’effettiva collaborazione, sia per le grosse difficoltà nel reperire le documentazioni e le informazioni necessarie.

Considerato che:
- di fatto, questi nuovi adempimenti hanno ingessato a tempo indeterminato numerose procedure di subingresso, penalizzando gli imprenditori che non possono avviare l’attività commerciale pur avendo investito capitali e assunto persone;


Tutto ciò considerato:

si chiede all’Assessore al Commercio e all’Amministrazione Comunale, pur trovandosi di fronte ad un sistema informatico non realizzato né progettato dal Comune, quali azioni intenda intraprendere per risolvere questa dannosa e pericolosa impasse burocratica che sta letteralmente bloccando un settore del commercio cittadino.

 

Simone Venturini

 
 
Pubblicata il 08-04-2014 ore 12:39
Ultima modifica 08-04-2014 ore 12:39
Stampa