Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > ?pag= > Interrogazione nr. d'ordine 177
Contenuti della pagina

Interrogazione nr. d'ordine 177

Logo Alessandro Scarpa
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
177 80 05/08/2010 Alessandro Scarpa
 
Sindaco
Giorgio Orsoni
 
e p. c.
Al Presidente della IV Commissione
05/08/2010 04/09/2010 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare26-10-2010Leggi

 

Venezia, 5 agosto 2010
nr. ordine 177
n p.g. 80
 

Al Sindaco Giorgio Orsoni


e per conoscenza

Al Presidente del Consiglio comunale
Al Presidente della IV Commissione
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Tetto scoperchiato al Palazzetto dello Sport di Portosecco a Pellestrina

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Preso atto:
della tromba d’aria che si è abbattuta sull’isola di Pellestrina il 23 luglio u.s., danneggiando più di trecento case e molte società sportive per un ammontare di molti milioni di euro;

Visto:
che è stato concesso dallo Stato la dichiarazione di calamità naturale, con l’aiuto del dott. Bertolaso, Capo della Protezione Civile, che ha effettuato un sopralluogo nell’isola in tempi strettissimi;

Considerato:
la particolarità dell’isola di Pellestrina, lembo di terra tra mare e laguna, sferzato spesso e in tutte le stagioni dai venti di bora, scirocco e garbin;

Visto:
che in questi ultimi anni, il Palazzetto dello Sport di Portosecco a Pellestrina è stato scoperchiato dal vento per ben 3 volte;

                                                       SI CHIEDE AL SINDACO

- tenere in considerazione le caratteristiche geografiche dell’isola, nel bando per il futuro appalto dei lavori di rifacimento del tetto del Palazzetto dello Sport, inserendovi dei requisiti tecnici costruttivi specifici e di alta professionalità, che le imprese che già lavorano nell’isola possiedono, al fine di evitare costi triplicati, come è già avvenuto, per i cittadini/contribuenti e per il Comune di Venezia.

 

Alessandro Scarpa

 
 
Pubblicata il 05-08-2010 ore 10:36
Ultima modifica 05-08-2010 ore 10:36
Stampa