Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Lista Civica impegno per Venezia, Mestre, isole > Consiglieri comunali > Alessandro Scarpa > Archivio atti > Interpellanza nr. d'ordine 2309 > Risposta in Consiglio comunale
Contenuti della pagina

Risposta in Consiglio - Interpellanza nr. d'ordine 2309

Venezia, 5 giugno 2014
 

Al Consigliere comunale Alessandro Scarpa
All'Assessore Alessandro Maggioni


e per conoscenza

Al Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: segnalazione di risposta in Consiglio comunale per interpellanza nr. d'ordine 2309 (Nr. di protocollo 26) inviata il 29-01-2014 con oggetto: Messa in sicurezza della Torre Zendrini

 

L'interpellanza è stata discussa nella seduta del Consiglio comunale del 28-05-2014.

Si riporta di seguito l'estratto del resoconto stenografico relativo agli interventi in oggetto.

 

PRESIDENTE TURETTA. Passiamo alla n. 31, consigliere Scarpa Alessandro: “Annosi problemi irrisolti nel plesso scolastico Zendrini di Pellestrina”. È un’interpellanza del 25 novembre 2013, n. 177.

CONSIGLIERE SCARPA A. Grazie presidente. Di questa interpellanza abbiamo anche già parlato in Commissione e visto che ho l’occasione, la espongo anche qua in Consiglio comunale. Per quanto riguarda la scuola Zendrini di Pellestrina, alcuni lavori sono stati fatti e quindi di questo mi posso anche ritenere parzialmente soddisfatto, di alcuni lavori. Il problema dove sta? Il problema sta precisamente nella torre che è di fronte alla scuola elementare e della prima infanzia, questa torre Zendrini, che sta proprio a dieci metri, dove i bambini non solo vanno la mattina a scuola e ci passano davanti, ma poi al pomeriggio sono in piazza che ci giocano su questa torre e questa torre non è che sia pericolante, però purtroppo è stata transennata, perché alcuni calcinacci, cose di poco conto, sono caduti giù.
La mia richiesta è quella di fare in modo per la sicurezza dei residenti locali, dei bambini che vanno a scuola, all’asilo, alle scuole elementari, di sistemarla. In questo caso aggiungo anche una piccola richiesta, mi sono anche informato con i tecnici del Comune anche di Insula, si tratta solamente di andare sopra con un carro elevatore, con un elevatore o comunque con una impalcatura, la torre di circonferenza di diametro farà circa tre metri, poco più, poco meno e forse in giorni di lavoro si tratta di due, tre giorni di lavoro, non di più. Quindi è una piccola richiesta che facciamo, però è importante perché ci sono sotto i bambini e le persone che ci passano tutti i giorni.
Naturalmente, non è un capriccio il mio, è una volontà comune della cittadinanza, non che Alessandro Scarpa lo chiede perché la torre Zendrini dà fastidio al proprio giardinetto di casa, è una volontà comune che viene fatta da cittadini, dalle mamme dei bambini che vanno a scuola, dalla parrocchia e ricevo in continuazione molte segnalazioni.
Quindi io chiedo con la massima collaborazione all’assessore se gentilmente può organizzare questo sopralluogo con Insula, con i tecnici del Comune e fare in modo di risolvere questo piccolo problema, che sta a cuore a tutti i residenti dell’isola, anche perché oltre che la scuola in primis, d’estate poi vengono fatte anche le sagre paesane, quindi è una cosa che veramente sta a cuore ai cittadini.
Quest’estate ci sarà anche la festa della Madonna dell’apparizione fatta in quella piazza, Madonna dell’apparizione che si festeggia da tre secoli in isola e quindi sta a cuore a tutti i residenti. Questo sta a cuore a tutti, a me compreso.
Però aggiungo anche, e mi dispiace dirlo, che se le risposte continuano ad essere come quelle che mi ha dato l’assessore sia in Commissione e anche i tecnici degli Uffici, continuano ad essere queste, cioè che secondo loro il lavoro è finito con una transenna, io non sono d’accordo, perché il lavoro è finito quando le transenne vengono levate via, quando sarà stato fatto un sopralluogo su questo tetto che risulta circa tre metri più o meno, non di più. Quindi una volta finiti i lavori, a mio avviso si potrà dire che la cosa è a posto. Di certo adesso le cose non vanno bene.
Quindi contrariamente a quanto detto dai tecnici del suo Assessorato, caro assessore, io non sono d’accordo, quindi chiedo, dando la mia disponibilità anche a fare i sopralluoghi, mi prendo anche un giorno di ferie per venire assieme, per cercare di fare assieme questo sopralluogo, di risolvere questa piccola richiesta, però se la cosa persiste e le risposte saranno sempre le stesse che per voi è tutto a posto, è risolto, mi spiace, ma siccome a me la cosa sta a cuore come a tutti quanti residenti della zona, sarò costretto a rivolgermi, anzi, ho già iniziato dei rapporti, delle telefonate e delle lettere scritte con gli enti preposti per far valere la sicurezza dei cittadini. Mi spiace arrivare a questo punto, ma purtroppo se le risposte continuano ad essere queste, mi sento anche io, assieme tutti quanti i cittadini, ci sentiamo anche presi in giro.
Quindi mi auguro tanto che ci sia la volontà da parte dell’assessore di risolvere questa banale cosa, che poi non si chiedono grandi cose, si chiede di vedere questo tetto della scuola Zendrini, se no purtroppo sarò costretto a rivolgermi a chi ha competenza per quanto riguarda la pubblica incolumità. Grazie presidente.

PRESIDENTE TURETTA. Mi sono un attimo distratto, siccome l’interpellanza era quella del plesso scolastico, lei ha parlato della torre, che invece è la n. 39, e la n. 31 che riguarda il plesso scolastico Zendrini, è a posto, si ritiene soddisfatto?

CONSIGLIERE SCARPA A. Infatti, ho detto che per quanto riguarda…

PRESIDENTE TURETTA. No, mi sono distratto io, appunto.

CONSIGLIERE SCARPA A. Per quanto riguarda i lavori del plesso scolastico, ripeto quello che ho detto prima, plesso scolastico Zendrini, alcuni lavori sono stati fatti, quindi mi ritengo parzialmente soddisfatto, perché alcuni sono stati fatti, altri no. Al di là di questo, la priorità assoluta è questa, cioè la sicurezza dei bambini, la sicurezza delle persone e quindi io mi auguro tanto che l’assessore si metta una mano sul cuore, ma non nei miei confronti, nei confronti della cittadinanza. Sono convinto che lo farà, sono straconvinto che lo farà, se no, ripeto, sarò costretto a rivolgermi a chi di competenza, anche se sinceramente mi dispiacerebbe per una cosa così piccola e banale. Grazie presidente.

PRESIDENTE TURETTA. Prego, assessore.

ASSESSORE MAGGIONI. Ovviamente, il consigliere può rivolgersi a chi ritiene più opportuno, senza nessun problema da parte dell’assessore. L’assessore ricopre il suo ruolo, richiede ai tecnici le relazioni rispetto alle questioni, fa fare gli interventi di messa in sicurezza. Nessuno ha mai detto che i lavori alla torre Zendrini sono completati. Abbiamo detto, e ribadisco, che i lavori che sono stati avviati e realizzati da Insula nel corso del 2012, hanno messo in sicurezza il fabbricato. Le transenne non sono lì perché i lavori sono finiti, sono lì proprio per la pubblica incolumità, per fare in modo che non ci siano rischi per la cittadinanza. A questo poi l’intervento, come ho più volte avuto occasione di dire al consigliere, è un intervento che, come tutti gli interventi, costano dei soldi, ad oggi i tecnici mi dicono che la situazione è in sicurezza. Nel momento in cui ci saranno somme a disposizione, faremo l’intervento, cosa che ovviamente va inserita nel Piano delle opere, a seconda delle disponibilità finanziarie dell’Amministrazione.

PRESIDENTE TURETTA. Prego, Alessandro. Già che ci siamo, facciamo anche la n. 39 subito, quella sulla torre. Prego, Alessandro.

CONSIGLIERE SCARPA A. Grazie presidente. Grazie assessore. Non mi sento soddisfatto di questa risposta, in quanto, finché i lavori non saranno finiti di questa torre Zendrini, non sarò soddisfatto, quindi io continuo per la mia strada come consigliere comunale, come cittadino e mi rivolgerò, come ho già fatto, ho già iniziato i contatti a chi di competenza per far valere i nostri diritti. Grazie presidente.

PRESIDENTE TURETTA. Bene grazie.

 

 
 
A cura dell'Ufficio Supporto Atti del Consiglio
Pubblicazione: 05-06-2014 ore 16:19
Stampa