Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Lista Civica impegno per Venezia, Mestre, isole > Consiglieri comunali > Alessandro Scarpa > Archivio atti > Interpellanza nr. d'ordine 2043 > Risposta
Contenuti della pagina

Risposta - Interpellanza nr. d'ordine 2043

da Assessore Alessandro Maggioni

Venezia, 31 ottobre 2013
n p.g. 2013/474945
 

Al Consigliere comunale Alessandro Scarpa


e per conoscenza

Al Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: risposta all'interpellanza nr. d'ordine 2043 (Nr. di protocollo 135) inviata il 24-09-2013 con oggetto: Cella mortuaria di Pellestrina in condizioni pietose, da terzo mondo.

 

In riferimento all'interpellanza nr. d'ordine 2043 recante ad oggetto "Cella mortuaria di Pellestrina in condizioni pietose, da terzo mondo" sentita al riguardo la Società Veritas S.p.A in qualità di gestore del complesso cimiteriale di Pellestrina, si ritiene necessario evidenziare quanto segue:
- il cimitero di Pellestrina non dispone, tra i siti presenti in Laguna,  di un presidio stabile a differenza di quelli esistenti a San Michele in Isola e a San Nicolò del Lido dove sono presenti operatori in servizio permanente.
- la particolarità del luogo dove insiste il cimitero, e quindi il locale obitorio che si trova all’interno del plesso, espone le strutture a un maggior deterioramento dovuto, appunto, alle peculiarità climatiche e ambientali dell’isola stessa.
Ciò premesso giova tuttavia sottolineare che, effettivamente, i locali oggetto della presente interpellanza necessitavano di lavori di manutenzione e in tal senso il Gestore ha programmato una serie di  interventi meglio specificati di seguito.
Nel segnalare che nel mese di aprile 2012, la stessa Veritas ha investito risorse per la sostituzione della cella frigorifera, si ritiene opportuno evidenziare che risultano effettivamente conclusi i lavori di manutenzione di cui sopra i quali hanno comportato:
a) la sistemazione della copertura, compresa la sostituzione della guaina;
b) la sostituzione di alcune piastrelle rotte;
c) la dipintura del locale;
d) la pulizia, di fondo ed igienizzazione del locale, da parte di una ditta specializzata;
Nel merito delle segnalazioni poste dall'interpellante giova rilevare che:

- per far fronte ad eventuali situazioni di necessità che dovessero manifestarsi, sono state consegnate ad altri due soggetti le chiavi di accesso ai locali della struttura, oltre a quelle già in possesso del soggetto che, per conto del Gestore, effettua il Servizio Istituzionale di trasporto salme;
- il Gestore non era stato avvisato dell’arrivo della salma e pertanto non ha potuto effettuare e predisporre i necessari controlli e le verifiche sullo stato del locale;
- per quanto attiene al materiale ritrovato all’interno della stanza si segnala che, secondo quando ravvisato dalla Società Veritas S.p.A,  non si trattava di un dispositivo "DPI" (guanti monouso) consegnati in dotazione al personale del Gestore.
Si segnala infine che, preso atto di quanto accaduto ed in considerazione dell’esiguo utilizzo del locale e per  non rispondere di comportamenti altrui, la Società Veritas S.p.A sta valutando la soluzione di consegnare le chiavi del locale esclusivamente al soggetto affidatario del servizio.

 

Assessore Alessandro Maggioni

 
 
A cura della segreteria dell'Assessorato
Pubblicazione: 31-10-2013 ore 10:06
Stampa