Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Il Popolo della Liberta' > Consiglieri comunali > Antonio Cavaliere > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 1610 > Risposta
Contenuti della pagina

Risposta - Interrogazione nr. d'ordine 1610

da Assessore Gianfranco Bettin

Venezia, 11 gennaio 2013
n p.g. 2013/ 18249
 

Al Consigliere comunale Antonio Cavaliere


e per conoscenza

Al Presidente del Consiglio comunale
Al Presidente della X Commissione
Ai Capigruppo
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario
Al Presidente della MunicipalitÓ di Marghera

 

Oggetto: risposta all'interrogazione nr. d'ordine 1610 (Nr. di protocollo 292) inviata il 14-12-2012 con oggetto: posizionamento di centraline ARPAV, rilevazione dati smog sull'asse stradario di Via Trieste, tra piazzale Parmesan e incrocio con via Case Nuove.

 

 

In riferimento all'interrogazione in oggetto, si precisa quanto segue.

 

 

La razionalizzazione della rete di rilevamento della qualità dell’aria effettuata da ARPAV ha portato negli ultimi anni ad una consistente diminuzione del numero di stazioni presenti sul territorio.
La razionalizzazione delle reti di monitoraggio è prevista dalla normativa vigente che fornisce precise indicazioni sul numero di stazioni necessarie a rappresentare un determinato territorio.
Il Comune di Venezia che, storicamente, ha potuto usufruire di una rete numerosa di centraline, grazie ad un impegno economico costante dell’Amministrazione nei confronti di ARPAV, anche nel corso dell’ultimo anno ha sostenuto una spesa per poter mantenere attive due stazioni di rilevamento altrimenti destinate ad essere dismesse, considerate significative per rispondere a precise esigenze del territorio.
Una di queste stazioni è situata nei pressi di via Trieste, precisamente in via Beccaria. Tale centralina è classificata come stazione di background urbano cioè dedicata al monitoraggio in area urbana non direttamente influenzata dalle sorgenti di traffico.
Viste le prescrizioni normative orientate a diminuire il numero di stazioni necessarie a rappresentare lo stato della qualità dell’aria di un dato territorio e gli elevati costi di attivazione e successiva manutenzione degli strumenti analitici, in questo momento non pare possibile l’attivazione di una nuova stazione fissa di monitoraggio, mentre è possibile indagare il fenomeno descritto chiedendo ad ARPAV lo svolgimento di una campagna di misurazione degli inquinanti attraverso l’ausilio di stazioni di tipo mobile.
La nostra Amministrazione negli anni passati ha messo a bilancio alcune risorse per garantire i monitoraggi con le stazioni rilocabili; i tagli imposti negli ultimi anni hanno però ridotto notevolmente la possibilità di avvalersi di tali strumenti.
Ciononostante ho dato indicazione ai miei uffici di presentare formale richiesta ad ARPAV affinché venga valutata l’opportunità tecnico- scientifica di una campagna da svolgersi nell’area in oggetto.
Per quanto riguarda i dati di qualità dell’aria, le campagne di monitoraggio svolte da ARPAV con i mezzi mobili sono disponibili nel sito web di ARPAV (www.arpa.veneto.it), mentre i dati delle stazioni di rilevamento della qualità dell’aria presenti nel territorio comunale sono raccolti nel Rapporto annuale sulla qualità dell’aria nella sezione dedicata all’Ambiente del sito web comunale (www.comune.venezia.it/ambiente).

 

Assessore Gianfranco Bettin

 
 
A cura della segreteria dell'Assessorato
Pubblicazione: 11-01-2013 ore 13:31
Stampa