Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Partito Democratico > Consiglieri comunali > Claudio Borghello > Il punto di vista di Claudio Borghello > Gondole e rispetto
Contenuti della pagina

Partito Democratico - Il punto di vista di Claudio Borghello

Logo Gondole e rispetto

 

Leggere di turisti ingannati o, peggio, vedere questo inganno nei telegiornali lascia l’amaro in bocca.

Non è la prima volta che accade, ma deve essere l’ultima.

La gondola è il vero simbolo di Venezia nel mondo: se chiediamo a un “foresto” cosa associa al nome della città ci sentiremo dire, nove volte su dieci, “gondola!”.

Le gondole galleggiano come altre barche se non c’è un gondoliere che le rende strumento e le porta, quasi danzando, a navigare.

E’ il gondoliere l’anima di quel simbolo e quindi ne diventa il primo custode.

Fare il gondoliere è un mestiere tradizionale, forse l’ultimo mestiere tradizionale visibile a tutti; è un mestiere difficile, oggi più che mai visto il numero di imbarcazioni che circolano a Venezia, ma, è anche un mestiere appagante sia dal punto di vista economico che da quello professionale.

Fare il gondoliere è mestiere ambito al quale non si accede liberamente; per accedere c’è la tradizione, si deve conoscere la tecnica, si deve trasmettere sicurezza, si deve fare molta “anticamera” sostituendo i titolari di licenza, si deve attendere che il Comune rilasci nuove licenze.

Il Comune di licenze ne rilascia ben poche, ormai quasi nessuna. Insomma, fare il gondoliere è da considerarsi un privilegio.

Tutto ciò implica che il gondoliere rispetti le regole, sia quelle della tradizione che quelle collegate al possesso della licenza rilasciata dall’ Amministrazione.

La licenza con la quale il gondoliere esercita è del Comune: la si revochi a chi non rispetta le regole.

Se questo atteggiamento dell’Amministrazione diventasse tradizione, forse, fare il gondoliere avrebbe ancor più valore.

 
 
Pubblicato il 29-05-2012 ore 16:41
Ultima modifica 29-05-2012 ore 16:41
Stampa