Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Partito Democratico > Consiglieri comunali > Pierantonio Belcaro > Il punto di vista di Pierantonio Belcaro > Dare attuazione al Patto dei Sindaci per lĺenergia sostenibile
Contenuti della pagina

Partito Democratico - Il punto di vista di Pierantonio Belcaro

Logo Dare attuazione al Patto dei Sindaci per lĺenergia sostenibile

 

Con la deliberazione del Consiglio comunale n. 91 del 22 luglio 2011 il Comune di Venezia ha aderito al Covenant of Mayors “Patto dei Sindaci per l’energia sostenibile”, una rete di oltre 4.200 Enti locali che a livello di Unione Europea vuole mettere in pratica, sul fronte della sostenibilità ambientale, il principio “Pensare globale, agire locale”.

 

I Comuni italiani che hanno aderito sono 2.144 e tra questi molti della Provincia di Venezia, che si dimostra come un’area particolarmente sensibile a questa tematica (30 Comuni aderenti su un totale di 44).


Questa adesione è in linea con l’impegno che da tempo l’Amministrazione comunale porta avanti sul versante ambientale ed energetico e che ha visto il Comune dotarsi, nel lontano 2003, di un P.E.C. (Piano Energetico Comunale) poi aggiornato due volte, da ultimo nel 2009.


Dopo l’adesione al Patto dei Sindaci sono venute maturando importanti iniziative di sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili specie da parte del Ministero dell’Ambiente che ha individuato l’area di Fusina come adatta ad ospitare impianti fotovoltaici a terra.


Va ricordato come gli ultimi due anni abbiano visto un rilevantissimo incremento del numero e della potenza degli impianti fotovoltaici nell’intero territorio nazionale. Siamo passati – fonte dati pubblicati sul sito del GSE – dai 71.288 impianti del 2009 ai 330.196 del 2011 (+363%) e da una potenza installata di 1.144 MW del 2009 ai 12.773 MW del 2011 (+1016%), conquistando un ottimo piazzamento in sede europea, che ci vede secondi solo alla Germania.

 

A livello provinciale si è registrato un andamento ancora migliore, passando dai 994 impianti del 2009 ai 5.947 impianti del 2011 (+551%) e da una potenza installata di 6,6 MW nel 2009 ai 100,7 MW nel 2011 (+1426%)!


In questo contesto di fortissima dinamicità diventa ancor più urgente che la Giunta dia concreta attuazione al Patto dei Sindaci che prevede che, entro un anno dall’adesione – ormai decorso, il Comune si doti del P.A.E.S. Piano d’Azione Energia Sostenibile, nel quale vanno specificate le azioni che si intendono compiere e il risultato atteso per ciascuna di esse.


Il P.A.E.S., a mio avviso, deve essere al più presto presentato, discusso e approvato e – considerando che il nostro territorio non si presta allo sviluppo della fonte idroelettrica e di quella eolica – deve prevedere interventi sul patrimonio edilizio pubblico e privato, iniziative per la mobilità sostenibile, la sostituzione di coperture in eternit o contenenti amianto con coperture fotovoltaiche e iniziative sul fronte dell’educazione ambientale.


C’è altresì bisogno che le scelte politico-amministrative in generale, non ovviamente solo quelle attinenti direttamente l’Assessorato all’Ambiente e alla Città sostenibile, siano sottoposte a verifica e, se del caso, riorientate verso il raggiungimento degli obiettivi dichiarati, facendo così del nostro Comune un soggetto protagonista della nuova politica per le energie rinnovabili e pulite.

 
 
Pubblicato il 07-09-2012 ore 11:52
Ultima modifica 07-09-2012 ore 11:52
Stampa