Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Commissioni consiliari > VII Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

VII Commissione - Verbale

Seduta del 18-07-2012 ore 10:00

 

Consiglieri componenti la Commissione: Maurizio Baratello, Gabriele Bazzaro, Sebastiano Bonzio, Renato Boraso, Claudio Borghello, Cesare Campa, Giampietro Capogrosso, Antonio Cavaliere, Saverio Centenaro, Nicola Funari, Marco Gavagnin, Luigi Giordani, Giacomo Guzzo, Valerio Lastrucci, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Jacopo Molina, Emanuele Rosteghin, Alessandro Scarpa, Camilla Seibezzi, Davide Tagliapietra, Domenico Ticozzi, Giuseppe Toso, Simone Venturini, Alessandro Vianello, Marco Zuanich, Michele Zuin

 

Consiglieri presenti: Sebastiano Bonzio, Claudio Borghello, Giampietro Capogrosso, Antonio Cavaliere, Saverio Centenaro, Luigi Giordani, Giacomo Guzzo, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Jacopo Molina, Emanuele Rosteghin, Camilla Seibezzi, Davide Tagliapietra, Giuseppe Toso, Simone Venturini, Alessandro Vianello, Marco Zuanich, Sebastiano Costalonga (sostituisce Cesare Campa), Carlo Pagan (sostituisce Domenico Ticozzi), Luca Rizzi (sostituisce Michele Zuin)

 

Altri presenti: Assessore Bruno Filippini, Direttrice Alessandra Vettori, Funzionario Eugenio Facchin

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Esame della proposta di deliberazione PD 19 del 23/01/2012: "Alienazione area e pertinenze ivi costruite di proprietÓ comunale site in Pellestrina, sestiere Zennari n. 657";
  2. esame della proposta di deliberazione PD 436 del 3/07/2012: "Alienazione a trattativa privata diretta di porzione di sedime stradale, di proprietÓ comunale, occupata da "camino in muratura", sita in Burano, via San Martino Destro n. 425";
  3. esame della proposta di deliberazione PD 451 del 6/07/2012: "Alienazione beni immobili di proprietÓ comunale mediante asta pubblica";
  4. prosecuzione dell'esame della proposta di deliberazione PD n. 124 dell'8/3/2012: "Adozione dell'elenco delle strade d'uso pubblico di competenza comunale della terraferma veneziana".

Verbale

Alle ore 10.20 il presidente Cavaliere, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta e propone di esaminare i primi due provvedimenti all’ordine del giorno. La commissione approva e quindi dà la parola al direttore Alessandra Vettori per l’illustrazione dei provvedimenti.

VETTORI illustra le proposte di deliberazione PD 19/2012 e PD 436/2012 spiegando quelli che sono i criteri adottati per la formulazione dei provvedimenti.

CAPOGROSSO prende atto che si tratta di beni di poca consistenza ed i provvedimenti servono a sanare anche delle situazioni amministrative un po’ complicate; desidera avere a supporto dei provvedimenti, nelle prossime sedute, la stesura delle perizie di stima e non solo l’indicazione dell’importo assegnato al bene; appare singolare la cessione di una proprietà che non confina con quelle vicine; sulla concessione della sanatoria contestuale al provvedimento, esprime delle perplessità.

FILIPPINI spiega che la richiesta del consigliere Capogrosso si riferisce ad una prassi che gli uffici del Patrimonio dovranno adottare per tutti i provvedimenti di questa natura.

Cavaliere, preso atto di quanto emerso dal dibattito, propone di licenziare i due provvedimenti col parere favorevole unanime della commissione.
La commissione approva.

Il presidente Cavaliere invita quindi il direttore Vettori ad illustrare il terzo punto all’ordine del giorno.
Alle ore 10.40 esce il consigliere Molina.

VETTORI premette che il provvedimento interessa una serie di piccole proprietà che potranno essere alienate dopo l’approvazione della proposta di deliberazione; rammenta che con i provvedimenti in esame i beni descritti passeranno dal demanio comunale indisponibile a quello disponibile. Passa quindi ad illustrare le singole particolarità che caratterizzano i beni.
Alle ore 10.45 entrano i consiglieri Venturini e Pagan.

CENTENARO invita l’assessore a continuare la ricognizione dei beni che possono essere venduti soprattutto quelli che hanno già ricevuto una richiesta di acquisto. Rende noto che i valori stabiliti dalle stime variano a seconda degli uffici che le formulano e che forse utilizzano criteri diversi, sarebbe bene che l’Amministrazione uniformasse le procedure.

ROSTEGHIN concorda con l’intervento del consigliere Centenaro e chiede conseguentemente la spiegazione delle modalità per stabilire il valore dei beni sottoposti all’esame della commissione.
Alle ore 10.50 escono i consiglieri Pagan e Zuanich ed entra la consigliera Locatelli.

CAPOGROSSO dichiara che le richieste formulate dai consiglieri avvalorano la sua precedente osservazione; sul lotto 3 chiede se il fondo intercluso ha accessibilità diretta e se il vincolo che grava impedirà o meno, una volta venduto, a valorizzare una delle aree confinanti; sul lotto 5ritiene che la formulazione della descrizione del bene non evidenzi gli obblighi dell’acquirente.

GUZZO afferma che le aree in questione derivano al Comune a seguito di decisioni urbanistiche ed il Consiglio comunale dovrebbe opporsi a questo tipo di atti qualora si evidenzi una evidente penalizzazione degli interessi collettivi rispetto a quelli privati.
Alle ore 11.00 esce il consigliere Tagliapietra.

VETTORI ribatte che le valutazioni sono diverse perché le destinazioni dei beni non sempre possono essere valutate al pari delle situazioni di provenienza. Riguardo la valutazione delle valore ricorda che anche i criteri adottati dall’Agenzia del Territorio costituiscono un parametro da considerare.
Alle ore 11.10 esce il consigliere Toso.

CAPOGROSSO si dichiara d’accordo per licenziare il provvedimento auspicando una maggiore collaborazione tra gli uffici competenti.

Il presidente Cavaliere propone di licenziare il provvedimento per la discussione in Consiglio comunale.
La commissione approva.

Il presidente Cavaliere dà la parola all’assessore Filippini per fare il punto sull’esame del provvedimento.

FILIPPINI afferma che è l’occasione di verificare con chiarezza quali siano le strade pubbliche e quali quelle private; la proposta di deliberazione non verrà adottata dal Consiglio comunale ma seguirà un iter particolare che permetterà ai cittadini di esporre le loro osservazioni e conseguentemente, dopo l’esame di queste, il Consiglio comunale approverà l’elenco nella massima trasparenza e nel più completo coinvolgimento delle municipalità. Queste ultime hanno sempre valutato all’unanimità le proposte dell’Amministrazione e quindi anche prendere qualche tempo per esaminare più a fondo le varie situazioni non graverà sulla rilevanza ed efficacia del provvedimento. Rimane aperta la questione dei costi di mantenimento delle strade private, dei servizi e dell’illuminazione perché ne deriva la sicurezza del territorio; si potrebbero prendere delle decisioni diverse a seconda del territorio considerato. Le strade pubbliche rappresentano il 76% del totale delle strade del comune, questo porterà un risparmio nella gestione del sistema viario complessivo.

CENTENARO domanda quali sono le risultanze del gruppo di lavoro e pone la questione del danno che si apporterà ai cittadini con l’assunzione del provvedimento; alcune strade sono praticamente private ma sembrano essere considerate pubbliche.

LAZZARO chiede se sono state fatte delle osservazioni dal gruppo di lavoro sulle strade di Zelarino.
Alle ore 11.20 escono i consiglieri Rizzi, Bonzio e Vianello.

CAPOGROSSO rileva che l’ipotetico gruppo di lavoro era formato da egli stesso e dal consigliere Boraso ma questi non si è presentato all’incontro stabilito con i tecnici dell’ufficio. E’ comunque avvenuto l’incontro e si è discusso dei sedimi dove l’Amministrazione è titolare di uso oppure della loro proprietà. L’elenco a suo parere può essere confermato nella proposta presentata e sottoposto all’attenzione dei cittadini per poi approvare definitivamente la proposta. Con il provvedimento si definisce un sistema viario e per questa prima fase, prende atto che il Consiglio comunale non approverà una soluzione definitiva. Si spera che i criteri adottati siano il più possibile oggettivi ma da applicare con buon senso nelle varie situazioni e ricorda la via Monte Pizzocco che gli atti urbanistici definiscono pubblica mentre non compare nell’elenco presentato dal patrimonio.
Alle ore 11.30 escono i consiglieri Locatelli, Venturini, Giordani e Scarpa R.

LAZZARO ribadisce la volontà di conoscere se è cambiato l’elenco delle strade pubbliche.

FILIPPINI cita il caso di via Passo Rolle dove c’è un contenzioso tra cittadini ed Amministrazione e si sta cercando una soluzione bonaria.

FACCHIN afferma che i criteri adottati sono quelli di verificare gli atti amministrativi e le disposizioni; la proposta è stata formulata sulla base anche delle osservazioni e non considerando le opposizioni, questo significa che si definisce un punto di partenza e l’elenco rimarrà tale e potrà essere modificato solo in fase di valutazione delle osservazioni. Rende nota la proposta di emendamento al provvedimento che sarà portato in Consiglio comunale e ricorda che vengono considerati solo gli atti antecedenti alla predisposizione della proposta di deliberazione come le convenzioni urbanistiche approvate.
Alle ore 11.55 esce la consigliera Seibezzi ed alle ore 12.05 escono i consiglieri Costalonga, Centenaro e Rosteghin e viene a mancare il numero legale.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 05-10-2012 ore 08:35
Ultima modifica 05-10-2012 ore 08:35
Stampa