Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Lista In Comune > Consiglieri comunali > Camilla Seibezzi > Archivio atti > Interpellanza nr. d'ordine 518
Contenuti della pagina

Lista In Comune - Interpellanza nr. d'ordine 518

Logo Lista In Comune Camilla Seibezzi
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
518 29 07/03/2011 Camilla Seibezzi
 
Marta Locatelli
Lorenza Lavini
Giuseppe Caccia
Simone Venturini
Gabriele Scaramuzza
Gianluca Trabucco
Renzo Scarpa
Jacopo Molina
Sebastiano Bonzio
Giacomo Guzzo
Luigi Giordani
Cesare Campa
Assessore
Tiziana Agostini
 
e p. c.
Alla Presidente della VI Commissione
10/03/2011 09/04/2011 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare03-05-2011Leggi

 

Venezia, 7 marzo 2011
nr. ordine 518
n p.g. 29
 

All'Assessore Tiziana Agostini


e per conoscenza

Al Sindaco
Al Presidente del Consiglio comunale
Alla Presidente della VI Commissione
Ai Capigruppo consiliari
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario
Ai Presidenti delle MunicipalitÓ

 

Oggetto: riduzione della quantitÓ e qualitÓ dei servizi prestati dal Centro Antiviolenza del Comune di Venezia per opera delle psicologhe che ivi hanno prestato opera continuativa di consulenza e assistenza per pi¨ di otto anni

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 


PUR CONSIDERATO CHE

la legge dello Stato n. 122 del 30/07/2010 implica che i Comuni provvedano un taglio dell´80% delle spese per studi ed incarichi di consulenza e che tale legge vincola la gestione dell'Amministrazione Comunale altresì si ritiene inderogabile il criterio di un rigoroso ordine di priorità


CONSIDERATO

che il Centro antiviolenza di via Garibaldi 155 è un servizio che in quindici anni di vita ha accolto più di 4000 persone (dato che considera solo i maltrattamenti dichiarati e documentati) di cui negli ultimi otto anni 2500 donne sono state accolte e assistite dalle tre psicologhe, (citate nominalmente dagli organi di stampa in data 6 marzo 2011: Silvia Lelli , Beatrice Marcato e Giuliana Tosetto) che oggi rischiano di vedere azzerato e non riconosciuto il lavoro fino ad oggi svolto con continuità nonché una precoce interruzione degli accordi da loro intrapresi con il Comune di Venezia tramite l'assessorato alla Cittadinanza delle donne


CONSIDERATO

che è documentato un preoccupante aumento dei casi di maltrattamento e di violenza sulle donne e che tale dato è aggravato dall'ulteriore condizione di crisi economica che alimenta nei casi difficili le tensioni interne tanto ai nuclei familiari quanto alle coppie di fatto


CONSIDERATO

che la delicata natura del rapporto che in tali casi si instaura tra assistenti ed assistite necessità di una lunga e specifica formazione accademica nonché di una competenza professionale maturata negli anni nell'ambito di precisi ambiti di lavoro quali appunto i servizi di accoglienza ed assistenza del Centro Antiviolenza


CONSIDERATO

che compito primo della delega alla cittadinanza delle donne e cultura delle differenze, si può ritenere sia la tutela e l'aiuto a tutte quelle donne che hanno trovato a fatica la forza di reagire ai maltrattamenti, che per la maggior parte hanno figli e che solo nel 57% dei casi lavorano ma con un livello remunerativo medio basso che ostacola il loro livello di autonomia


SI CHIEDE


all'Assessora alla cittadinanza delle donne di dare un segno tangibile a tutta la cittadinanza, proprio nel rispetto più autentico e concreto della dignità di tutte le donne,


che si provveda al reintegro lavorativo delle figure professionali di cui sopra che non possono essere sostituite facilmente da personale interno ridotto numericamente rispetto alle figure fino ad oggi presenti nel centro, e che ad oggi come dichiarato ai giornali risulta comprensibilmente non ancora formato per mancanza di esperienza e studi specialistici ad affrontare casi tanto delicati ed importanti. Un segno tangibile che ad oggi riteniamo essere condizione ineludibile ed insostituibile di una società civile

 

Camilla Seibezzi

Marta Locatelli
Lorenza Lavini
Giuseppe Caccia
Simone Venturini
Gabriele Scaramuzza
Gianluca Trabucco
Renzo Scarpa
Jacopo Molina
Sebastiano Bonzio
Giacomo Guzzo
Luigi Giordani
Cesare Campa

 
 
Pubblicata il 07-03-2011 ore 17:40
Ultima modifica 07-03-2011 ore 17:40
Stampa