Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2010-2014 > Gruppi consiliari > Federazione della Sinistra Veneta > Consiglieri comunali > Sebastiano Bonzio > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 1875
Contenuti della pagina

Federazione della Sinistra Veneta - Interrogazione nr. d'ordine 1875

Logo Federazione della Sinistra Veneta Sebastiano Bonzio
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
1875 106 04/06/2013 Sebastiano Bonzio
 
Assessore
Ugo Bergamo
 
e p. c.
Al Presidente della IV Commissione
06/06/2013 06/07/2013 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare29-08-2013Leggi

 

Venezia, 4 giugno 2013
nr. ordine 1875
n p.g. 106
 

All'Assessore Ugo Bergamo


e per conoscenza

Al Presidente della IV Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare IV Commissione
Al Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Cerchiamo un poĺ di buon senso nelle modalitÓ di ritiro del nuovo contrassegno di parcheggio per disabili

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che

Il nuovo "contrassegno di parcheggio per portatori di disabilità motoria ", ex "tagliando arancione" (previsto dall'art. 381 del DPR 16 dicembre 1992 n. 495 e dal DPR n. 151 del 30 luglio 2012) è un talloncino da esporre in modo visibile sul veicolo, che permette ai veicoli a servizio delle persone disabili il parcheggio negli spazi appositamente riservati e la circolazione in zone a traffico limitato del Comune di Venezia. Il Contrassegno consente ai cittadini italiani con disabilità di usufruire delle agevolazioni relative alla sosta negli altri paesi EU, evitando il rischio di contravvenzioni. Il contrassegno può avere validità quinquennale. Allo scadere dei termini lo si può rinnovare presentando un certificato del proprio medico di base che confermi la persistenza delle condizioni sanitarie per le quali è stato rilasciato.
E' rivolto alle "persone invalide con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta" (art. 381 del DPR 16 dicembre 1992 n. 495 e successivi) e ai non vedenti (DPR 503/1996 art.12 comma 3).

Considerato che

Il Comune di Venezia, come si legge nel seguente estratto dalla pagina web dedicata (http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6241 ), in ottemperanza al DPR 151 del 30/7/2012 che modifica il DPR 495 del 16/12/1992, concernente il regolamento di esecuzione e attuazione del Nuovo codice della strada, in materia di strutture, contrassegno e segnaletica per facilitare la mobilita', delle persone invalide e che recepisce una raccomandazione dell’Unione Europea del 1998, ha stabilito che PER IL RITIRO DEL PERMESSO DEVE ESSER PRESENTE LA PERSONA TITOLARE PER LA FIRMA DEL CONTRASSEGNO, salvo i casi previsti per legge in cui quest’ultima abbia un tutore o amministratore di sostegno che vanno “certificati” con un atto notarile o giuridico, non consentendo quindi più il rilascio del contrassegno tramite una semplice delega a persona di fiducia.

Considerato inoltre che

Lo scrivente gruppo è stato contattato da più cittadini che, recatisi nell’apposito ufficio ZTL di AVM, si sono visti negare la consegna del pass per ragioni legate alla nuova normativa introdotta, come nel caso di un cittadino che si recava a nome della madre titolare ultranovantenne e con gravi problemi di deambulazione (come in molti altri casi in cui viene concesso tale Pass), che in ragione del suo stato non poteva provvedere a ritirare il contrassegno di persona.

Considerato infine che

appaiono evidenti i disagi che, in casi delicati come quello sopra descritto, questa rigidità nella procedura di consegna del nuovo "contrassegno di parcheggio per disabili" crea alle famiglie dei cittadini;

Per tutto quanto premesso e considerato, si interroga l’Assessore alla Mobilità per sapere:

- se sia a conoscenza dei fatti sopra descritti;

- quali azioni intenda intraprendere, pur nel pieno rispetto di quanto previsto dalla raccomandazione dell’Unione Europea e dai Decreti del Presidente della Repubblica citati in premessa, per agevolare maggiormente il ritiro del contrassegno di parcheggio per disabili da parte dei titolari o di loro delegati, garantendo a pieno in tal modo il loro diritto alla mobilità.

 

Sebastiano Bonzio

 
 
Pubblicata il 04-06-2013 ore 14:39
Ultima modifica 04-06-2013 ore 14:39
Stampa